ionoforesi-i-tech-mio-ionotens-p-570×425

Ionoforesi

Carrozzina da viaggio costruita in alluminio anodizzato, colore argento, doppia crociera…..

Category: .
Share
Descrizione
  • Ionoforesi I-Tech Mio-Ionotens

    La ionoforesi è una tecnica elettroterapica che sfrutta la corrente continua per introdurre medicamenti nella zona di dolore o di contrattura. Attraverso la corrente erogata il medicamento viene veicolato da un polo all’altro attraversando così la sede affetta da patologia e rilasciando lo specifico principio attivo che vi agirà con sue caratteristiche fisico-chimiche. Con un trattamento di ionoforesi si hanno due vantaggi: si evita l’assunzione di farmaci per via orale e si va ad agire direttamente sulle zone interessate dalle affezioni dolorose (algie) derivanti da artrite, artrosi, sciatica, lombalgia, cervicale, strappi muscolari, ecc. e patologie come la cellulite e l’adiposi.

    IPP: la ionoforesi è utilizzata con successo anche nel trattamento di patologie dell’apparato genitale maschile, come ad esempio la IPP (Induratio Penis Plastica) o malattia di La Peyronie.

    CARATTERISTICHE:

    • 4 protocolli Tens impostabili,
    • 3 programmi ionoforesi standard,
    • 2 programmi “high impact ionophoresis”,
    • 11 programmi Tens preimpostati, (per cervicalgia, lombalgia, sciatalgia, artrite, epicondilite, nevriti ecc.).

     

    CARATTERISTICHE TECNICHE PRINCIPALI:

    • Onda quadra bifasica compensata,
    • Onda quadra monofasica,
    • Funzionamento con 4 batterie AAA Size,
    • 2 canali indipendenti,
    • Intensità massima 200 mApp,
    • Funzione blocco tastiera,
    • Dispositivo medico certificato CE0476.

     

    Cos’è la ionoforesi?

    La ionoforesi è una tecnica elettroterapica che sfrutta la corrente continua per introdurre medicamenti nella zona di dolore o di contrattura. Il farmaco utilizzato può avere polarità negativa o positiva ed in base a questo viene posto sul catodo o sull’anodo dell’elettromedicale (l’elettrodo non viene posto a diretto contatto con la cute ma con l’interposizione di una spugnetta).

    Attraverso la corrente erogata il medicamento viene veicolato da un polo all’altro attraversando così la sede affetta da patologia e rilasciando lo specifico principio attivo che vi agirà con sue caratteristiche fisico-chimiche.

    Gli ioni attivi attraversano la barriera cutanea dopo i primi 15 minuti di trattamento, per cui sono necessarie sedute di almeno 20 minuti, durante le quali il paziente avverte un leggero formicolio. La ionoforesi è dunque la tecnica più utilizzata per introdurre un farmaco nel nostro organismo attraverso l’epidermide.

    Con tale tipo di trattamento si hanno due vantaggi: si evita l’assunzione di farmaci per via orale che provocano sicuramente effetti collaterali più o meno marcati al fegato, allo stomaco, ai reni,ecc.; il secondo vantaggio è quello di andare ad agire direttamente sulle zone interessate dalle affezioni dolorose (algie) derivanti da artrite, artrosi, sciatica, lombalgia, cervicale, strappi muscolari, ecc. e patologie come la cellulite e l’adiposi ottenendo un rapido risultato. La ionoforesi trova applicazione anche nel trattamento delle disfunzioni erettili maschili. Per trattamenti specifici si consiglia di consultare il proprio medico specialista.

    IPP: La ionoforesi è utilizzata con successo anche nel trattamento di patologie dell’apparato genitale maschile, come ad esempio la IPP (Induratio PenisPlastica) o malattia di La Peyronie. Tale patologia può coinvolgere i maschi oltre i 50 anni,presentandosi con incurvamento in erezione del pene, con conseguente dolore e difficoltà al rapporto sessuale. Questi fenomeni non hanno una chiara relazione con un trauma od altro, compaiono in maniera subdola e per questo provocano meraviglia e preoccupazione. La soluzione esiste,basta rivolgersi con fiducia e senza imbarazzo al proprio medico curante o allo specialista.